FETTUNTA, IL SALUTO DEI SINDACI DI BARBERINO E TAVARNELLE TRENTANOVI E BARONCELLI: ‘RALLY E’ NOSTRA ANTICA PASSIONE’

Pubblichiamo il saluto integrale dei sindaci di Barberino Val d’Elsa, Giacomo Trentanovi, e di Tavarnelle Val di Pesa, David Baroncelli, al Rally della Fettunta 2018, in cui fanno anche riferimento al recente referendum in cui la popolazione dei due comuni ha approvato la fusione. Barberino e Tavarnelle diventeranno dal 2019 un comune unico. Ecco il testo: “In qualità di vicini di casa, prossimi alla riunificazione, siamo felici di accompagnare un’edizione speciale del Rally della Fettunta, in cui i comuni di Barberino e Tavarnelle si stringono la mano nel nome di uno sport che li vede uniti da tempo, legati da un’antica passione. Alcuni dei più talentuosi piloti italiani correranno per le strade del Chianti e della Valdelsa con l’obiettivo di tagliare un traguardo nel cuore ‘medievale’ della Toscana. L’arrivo torna infatti dopo tanti anni nel centro storico di Barberino Val d’Elsa. Ed è questa una delle più importanti novità di quest’anno. Invasa dai profumi dell’olio novo appena franto e già in tavola, la manifestazione si prepara ad accogliere una passione che ha 40 edizioni all’attivo e si intreccia a nomi, emozioni, gare che hanno scritto la storia del rally italiano. Il Rally della Fettunta è una ricetta che alimenta amore per il mondo automobilistico, promozione del territorio e come tale resiste ai secoli e alle mode.

La manifestazione si afferma nel panorama nazionale grazie alla competenza e alla passione della scuderia Valdelsa Corse, supportata dal sostegno dei Comuni di Barberino Val d’Elsa e Tavarnelle Val di Pesa, in collaborazione con i Comuni di San Casciano Val di Pesa e Castellina in Chianti. L’iniziativa è anche un’occasione per qualificare il territorio in un periodo generalmente non vocato all’affluenza turistica proponendo un week end denso di eventi volti alla promozione e alla valorizzazione del territorio. Una vetrina per il territorio, la sua lunga storia, intensa e popolare, legata al mondo delle quattro ruote, la sua vocazione al turismo sportivo e all’accoglienza, fatta di cultura, biodiversità e identità rurale. La kermesse diventa anche un’occasione per conoscere e riscoprire il ricco patrimonio culturale e paesaggistico dove lo scorso anno le strutture ricettive hanno fatto il pieno stimando la presenza di circa 8000 persone”.

SINDACI rally_fettunta

 

 

Commenti chiusi